Matteo Are


Nato a Rivoli il 4 marzo 1979, Are muove i primi passi nel campo dell’arte come interessato osservatore del padre Vasco ed ha la fortuna di poter “partecipare” materialmente ed intellettualmente alla realizzazione di manufatti di arte povera.

Già in quel periodo è particolarmente attratto dal Futurismo e dall’Architettura Industriale.

 

Questa passione viene alimentata dai pomeriggi passati insieme al padre Vasco Are e Gilberto Zorio nello studio di Via Oropa nei Loft dell’ex Michelin, modello eccezionale di riconversione di un apparato industriale in laboratori/residenze .

 

Terminato nel 1998 il liceo scientifico si iscrive alla Facoltà di Architettura.

 

Conseguita la Laurea ed un Master in Archeologia Industriale ha l’enorme fortuna di poter collaborare con l’Arch. Carlo Pession nella realizzazione di svariati progetti tra i quali spicca il progetto del Parco Dora e della riconversione dell’Area ex Industriale sita nel cuore della Spina 3.

 

Questa influenza crea una voglia di continua trasformazione, distruzione e rinascita che guidano Matteo Are in ogni tipo di progetto, dalla riconversione di vecchi casolari di contadini alla creazione di oggetti di arredo complementari dei più svariati progetti in bilico tra passato e futuro, cercando di schivare un noioso e piatto presente.

 

Qui nasce anche il desiderio di creare pezzi unici e nasce una lotta contro la standardizzazione della abitazione che rappresenta lo specchio delle essere delle persone.

 

In tutte le case che realizza lotta per l’inserimento di opere d’arte di svariati stili ed epoche. Niente è personale quanto un’opera d’arte.


Gallery